Come è fatta una porta blindata: tutti i segreti

La parte interna in metallo

Una porta interna ha un’armatura in metallo pesante. Di solito, si usano ferro e acciaio zincato per garantire una maggiore robustezza a tutte le parti che devono resistere al meglio a qualsiasi tipo di sollecitazione: dal tentativo di scasso ma anche a un eventuale incendio. Se si vuole avere una porta blindata più sicura non serve per forza sostituirla per intero ma è possibile richiedere solamente la sostituzione serrature Milano per avere un sistema di chiusura ancora più sicuro.

Il rivestimento in legno

Per quanto riguarda la parte più esterna della porta blindata questa può essere fatta in legno. Si tratta di un’alternativa un po’ più costosa ma l’effetto è davvero molto bello da vedere poiché questo materiale naturale ha il vantaggio di dare subito calore e rendere accogliente la stanza. Esistono diverse essenze di legno tra cui scegliere per trovare quello che meglio si sposa con il resto dell’arredo interno per quanto riguarda il rivestimento dentro. Il pannello fuori spesso deve essere uguale a quello delle altre porte del condominio e perciò si può richiedere un colore esterno e uno diverso per l’interno.

Il rivestimento in laminato

Esiste la possibilità di avere una porta blindata un po’ meno costosa se si opta per un rivestimento in laminato cioè in finto legno. È molto più facile sostituire un rivestimento in laminato in caso cambi l’arredo interno in modo da esser in tinta. Anche in caso di tentativo di scasso, il laminato è la parte più facile da sostituire in una porta blindata assieme alla serratura grazie al servizio della ditta del fabbro professionale sostituzione serrature Milano.

Gli inserti in vetro

Soprattutto per le porte di ingresso come i protoni è possibile avere anche degli inserti in vetro sul rivestimento della porta per un tocco diverso, più rustico. Se la porta dà sull’esterno e non sul giro scale è bene preferire un vetro stratificato che perciò non possa esser infanto facilmente da eventuali scassinatori

gennaio 12th, 2018 by