Il trading online è una truffa o no?

Oggi cerchiamo di rispondere a una domanda che molti si pongono. Il trading online è una truffa o no? Dire soltanto NO è una risposta troppo generica e non permette di capire a fondo il concetto di trading online.

Il trading online è un modo di interagire con il mondo della borsa senza muoversi da casa, tutto ciò che occorre è una connessione internet e un dispositivo capace di collegarsi. C’è chi riesce a farci tanti soldi, chi lo usa per arrotondare un po’ le entrate e chi invece, dopo averlo provato un po’ e non aver vinto, lo reputa una truffa.

Cosa porta quindi una persona a guadagnarci soldi oppure abbandonare il settore pensando che possa funzionare e che ci sia un imbroglio?

Parte della colpa arriva sicuramente da visioni troppo positiviste alcune volte lasciate trasparire da siti web del settore. La verità è che per fare trading online ci vuole studio, strategia e numerosi test. E’ vero che quello della borsa è un mercato imprevedibile ma se alla base c’è una conoscenza del settore è possibile ridurre i rischi e tra perdite e vincite, è comunque possibile ottenere delle entrate economiche buone.

Chi lo reputa una truffa è probabile che:

  • Ha iniziato a fare trading online senza aver alcuna conoscenza di base e ha scommesso un po’ a caso.
  • Non ha saputo scegliere il broker giusto. Questo aspetto è importante e un principiante che si avvicina anche con buona volontà al settore, se non sa riconoscere un broker online serio e affidabile, rischia di rimanere fregato.

Sulle conoscenze di base potete intervenire solo voi. Dovete studiare e fare pratica. L’indeale perciò è seguire webinar gratuiti del settore, leggere ebook… c’è tanto materiale gratuito su internet al quale potete accedere senza troppi problemi. Per un principiante spesso è sufficiente. Uno strumento molto importante per chi si avvicina al settore è la versione demo della piattaforma. Ottimi broker online mettono a disposizione dei propri clienti una piattaforma online in versione demo per consentire di fare test e prove senza spendere denaro reale.

Passiamo adesso a quali sono le caratteristiche da tenere presenti in un broker, per affidarsi alla giusta piattaforma.

  • Il broker deve essere regolamentato con il CySec e deve possedere l’autorizzazione CONSOB. Questo organo controlla internazionalmente le diverse società finanziare le quali autorizzano la promozione dei servizi come appunto il trading online.
  • Quando il broker possiede queste autorizzazioni può operare in tutti i paesi dell’UE. Controllate sempre di dov’è il broker ma valutate anche la sede legale, dovrebbe averne una anche in Italia.
  • Assicuratevi che il broker tenga separati i vostri soldi da quelli aziendali. Significa che, anche in caso di fallimento da parte dell’azienda, il vostro denaro è protetto. Devono avere anche un sistema di protezione che vi tuteli.

Dovete poi valutare anche altri aspetti come: quali sono i mercati dove potete operare con quella piattaforma, qual è il tipo di assistenza che vi offrono, qual è l’investimento minimo che dovete fare e se sono presenti o meno i bonus e l’eventuale versione demo. Visita questo sito per saperne di più.

maggio 15th, 2018 by