Differenze principali tra: caldaia autonoma e centralizzata

La caldaia autonoma

La sua ubicazione. Una caldaia di tipo autonoma serve un unico appartamento per la produzione di acqua calda e riscaldamento. Di solito, un apparecchio di questo tipo può essere messo in cucina, in bagno, in ripostigli oppure in cantina a volte, le caldaie sono anche sistemati nelle parti comuni, nonostante siano di proprietà.

La lettura dei consumi. Il consumo della singola caldaia autonoma è riferito solo un appartamento perciò non vi è alcun tipo di problema in questo senso.

L’accensione del riscaldamento. Per accendere il riscaldamento, non ci son alcun tipo di regole o restrizioni: se fa freddo si possono accendere i caloriferi e spegnerli quando lo si desidera.

Il responsabile. Nel caso dei una caldaia autonoma, i casi possono essere due. In genere, il responsabile è il proprietario se abita stabilmente lì. Se la casa vien data in affitto, ecco che è l’affittuario a ereditare tutti gli oneri legati a questo compito.  I costi relativi alla manutenzione sono tutti a carico del responsabile.

La caldaia centralizzata

La sua ubicazione. Una caldaia centralizzata è un apparecchio unico che ha il compito di servire tutti gli appartamenti di uno stesso stabile. Nessuno ha la proprietà della caldaia che è del condominio e può trovarsi nel giro scale, per esempio, ma non dentro un appartamento.

La lettura dei consumi. Uno dei problemi relativi alla caldaia centralizzata è la difficoltà di capire quanto ha consumato ogni famiglia. Per ora il calcolo per dividere la bolletta, si fa un po’ a spanne, in base al numero dei componenti del nucleo famigliare, ma per fortuna dovrebbe essere obbligatorio da quest’anno l’installazione del conta calorie per una divisione più precisa.

L’accensione del riscaldamento. Il riscaldamento in un condomino con riscaldamento centralizzato viene acceso solo in determinate fasce orarie, perciò non è possibile decidere autonomamente quando accendere o spegnere i termosifoni.

Il responsabile. Nel caso della caldaia centralizzata no vi è un vero e proprio responsabile: questo compito è svolto dall’amministratore di condomino. Il costo della manutenzione, sia ordinari che straordinari, va diviso tra tutti i condomini che hanno un grande risparmio.

Altri dettagli sono sul sito web www.termoidraulicamei.it .

giugno 27th, 2017 by