Amianto e saluta: perché è nocivo e quali sono le patologie che provoca

Ormai si sa che l’amianto è pericoloso per la salute ma forse non tutti hanno davvero capito quale sia l’entità del problema perciò ecco al guida definitiva che spiega il motivo della sua pericolosità e le patologie che può portare.

Perché l’amianto è pericoloso

L’amianto è un minerale che ha una struttura cristallina. Le fibre che compongono questo minerale, chiamato anche asbesto, sono molto leggere e volatili, cosa che le fa disperdere nell’aria e le rende inalabili dalle persone. Chi è esposto a queste fibre che compongo il materiale, anche se è di matrice compatta, può avere delle conseguenze negative e irrimediabili all’apparato respiratorio. Le fibre che sono inalate, arrivano nei polmoni da dove non escono più. Il materiale più pericolo è di certo quello in polvere cioè quando il minerale non è contenuto in un prodotto ma è libero: basta una a leggera brezza di vento per sprigionare e alzare una quantità davvero tossica di piccole fibre. Anche vibrazioni, corrente d’acqua e ogni genere di sollecitazione può liberare le fibre, anche se contenute in pannelli, per esempio.

Quali sono le patologie provocate

L’esposizione alle fibre di amianto può provocare gravi patologie a livello polmonare, primo tra tutti il cancro ai polmoni. Altre patologie sono l’asbestosi, malattia provocata proprio dall’animato, chiamato anche asbesto, da qui il nome della patologia che è una forte fibrosi polmonare; oppure il carcinoma polmonare e mesotelioma che colpisce la pleura cioè lo strato che riveste i polmoni all’interno della cassa toracica, il quale sviluppa cellule tumorali.

Quanto costa

La rimozione Amianto costo dipenda da diversi fattori. Non si può insomma dare un costo generale poiché le casistiche sono davvero molto diverse l’una dall’altra e, di volta in volta, il orezzo cambia. Il costo dipende dalle modalità. È sempre possibile richiedere agli esperti abilitati e iscritti all’albo, un preventivo per rimozione Amianto costo in maniera da avere ben chiara la spesa da sostenere.

febbraio 2nd, 2018 by